“La Dany” e la torta alle nocciole senza glutine

torta nocciolesenzaglutine

Mi ritengo fortunata ad avere un lavoro.

Mi ritengo fortunata ad avere un lavoro che piace.

Mi ritengo fortunata ad avere un lavoro che mi piace, e ho delle colleghe che lo rendono ancora migliore.

Mi ritengo fortunata ad avere un lavoro che mi piace, e ho delle colleghe che lo rendono ancora migliore, e i compleanni o le festività sono sempre un’occasione buona per far festa insieme.

(Tranquilli, la smetto qui con la ripetizione delle frasi, altrimenti mi sentirei le orecchie fischiare dalle tante espressioni colorite che potreste lanciarmi!).

Tra le mie colleghe c’è anche “la Dany” (noi qui al nord abbiamo la brutta abitudine di mettere l’articolo davanti al nome proprio di una persona).

La Dany, che dovreste conoscerla, perchè è una vera e propria forza della naturaè celiaca, e quindi alle feste si ritrova solo a mangiare patatine e noccioline, visto che spesso e volentieri non si ha l’accortezza di pensare anche a chi ha delle intolleranze alimentari.

Io ci ho provato, e l’ultima volta che abbiamo festeggiato, ho cucinato una torta gluten-free (consumandomi le mani da tante volte le ho lavate, temendo di contaminare la torta). La Dany non ha un’intolleranza grave al glutine, quindi ho potuto utilizzare il forno che utilizzo normalmente anche per tutto il resto.

La Dany si è portata a casa la torta che era avanzata, e quindi qui le ipotesi sono due:

1) o voleva evitare che qualche altro poveretto assaggiasse un obrobrio simile;

2) o le è piaciuta molto e ne ha approfittato per avere la colazione pronta anche per il giorno dopo.

Ovviamente io sono più propensa a credere alla seconda 😀

Ingredienti:

140 gr di farina di nocciole tostate
140 gr di amido di mais
100 gr di zucchero
60 gr di burro
2 uova
100 ml di acqua
1/2 bustina di lievito per dolci

Sbattete le uova con lo zucchero fino ad ottenere un composto spugnoso. Aggiungete la farina di nocciole, l’amido di mais, il burro ammorbidito, l’acqua e per finire il lievito, e impastate fino ad ottenere un composto morbido e omogeneo. Versate il tutto in uno stampo per torte foderato con della carta forno e cuocete in forno a 180° per 25 minuti.

It’s gospel time! – Torta ricotta e cacao

tortaricottacacao2

E’ capitato credo a tutti di fare parte di un gruppo e sentirsi “a casa”, sentirsi un po’ protetti e coccolati. Io mi sento così quando vado alle prove del coro.

Canto da parecchi anni in un coro gospel, il coro Effatà (“Apriti”, in greco).
Mi piace cantare, mi diverte, quando ci troviamo per le prove incontro persone amiche e meravigliose, che mi hanno visto crescere, ed è un modo, per chi, come me, crede, per creare un rapporto diverso con Dio.
Da qualche mese abbiamo intrapreso un progetto nuovo: abbiamo lasciato un po’ da parte i concerti per prepararci ad “In…canto sul Garda“, un concorso internazionale per cori che si tiene ogni due anni a Riva del Garda.
L’impegno è stato premiato, in quanto nella nostra categoria ci siamo classificati secondi. 🙂
Oggi ricetta “a tema”, e non poteva mancare una soundtrack di accompagnamento!

Ingredienti:

250 gr di ricotta
100 gr di zucchero
2 uova
80 gr di farina 00
75 gr di cacao
30 gr di burro
1 bustina di lievito

Unite la ricotta allo zucchero e iniziate a mescolare. Inglobate pian piano tutti gli altri ingredienti nell’ ordine in cui sono stati indicati, fino ad ottenere un impasto omogeneo.
Versate il tutto in una tortiera foderata con la carta da forno e cuocete per 30 minuti a 180°C.

La ricetta originale che avevo segnato nel mio quadernetto delle ricette prevedeva 250 gr di zucchero e 100 gr di burro, ma pian piano ho ridotto le dosi fini a quelle che vi ho indicato: la ricotta essendo, infatti, un formaggio piuttosto dolce permette di ridurre la quantità di zucchero, e il fatto che renda la torta abbastanza umida e molto morbida, permette di ridurre le quantità di burro.

Per colazione, insieme a una grande tazza di latte, è una delizia!

Timbrare il cartellino con la torta di mele

torta mele3

Quando Laura ci ha invitate a partecipare al contest “Coccole di mela” (grazie Laura!!!), ho deciso seduta stante di parteciparvi.

Il contest, ideato da Pina la Peppina, invita a condividere un ricordo legato alla torta di mele. E io ADORO la torta di mele.

apple_header

Nella sua semplicità è per me una delle ricette più buone al mondo! E di ricordi legati a questa torta ne ho moltissimi, anche se sono per lo più sensazioni… ricordo di quando ero piccola e mia madre cucinava la torta per merenda o per mangiarne una fettina dopo pranzo insieme in famiglia e di quanto lei sapesse di buono, ricordo che la torta di mele è stata la prima torta che ho cucinato completamente da sola e ricordo la felicità nel vederla lievitare in forno e la soddisfazione nel constatare che fosse anche commestibile! 😉 Adoro il profumo che si sprigiona per casa quando la torta sta cuocendo, che se ci fosse un deodorante per ambienti al gusto di “torta di mele al forno” lo acquisterei sicuramente. La torta di mele è stata anche la prima torta che ho cucinato nel ruolo di “moglie” (col tempo sono diventata bravina a cucinarla, e quindi sapevo di non fare brutta figura né di correre il rischio che mio marito mi dicesse “buonaaaa” col sorriso tirato e gli occhi in cerca del primo cestino disponibile).

tortamele1

Ma da qualche giorno la torta di mele sarà legata ad un altro dolce ricordo… l’ho cucinata proprio l’altro giorno per festeggiare insieme alle colleghe la mia assunzione a tempo indeterminato! In tanti in questi giorni mi hanno detto “eh, ma guarda che è una rottura timbrare il cartellino”. Sarà, ma io dopo anni di studio, di contratti a termine, di progetti e sogni in sospeso a causa della mancanza di un futuro per lo meno un po’ più certo, sono contenta di timbrare il mio cartellino!

E ora chiederei a Silva di Silva Avanzi Rigobello, Barbara di Son nata Paperoga, Astrid di Dolce amara deliziosa, Francesca di Ricette pensieri e idiozie ed Enrica di Coccolatime di raccontarci i loro ricordi legati alla torta di mele, e di condividere con noi la loro ricetta della torta se ne avessero voglia!

Ingredienti:

3 mele

100 gr di farina 00

100 gr di fecola di patate

60 gr di burro

100 gr di zucchero

1 limone

1 pizzico di sale

1/2 bustina di lievito per dolci

Sbucciate le mele, affettatele e mettetele in una ciotola insieme al succo di un limone.

Sbattete lo zucchero con le uova e aggiungete la farina, la fecola di patate, il burro ammorbidito, un pizzico di sale e il lievito per  dolci.

Aggiungete le mele tagliate a fettine, avendo cura di tenerne alcune da parte per la decorazione.

Versate il tutto in una tortiera foderata con della carta da forno, decorate la superficie con le fettine di mele tenute da parte e cospargetele con poco zucchero.

Infornate a 190° per 50 minuti.

torta mele2

Sottosopra: torta rovesciata di susine

torta rovesciata

Ho ricevuto in regalo qualche giorno fa delle susine buonissime da poco raccolte dall’albero.
A me piace sempre la frutta di stagione, quindi ho pensato di cucinare una torta da portare la sera a casa di mia sorella che ci aveva invitati per cena.
Tra le diverse ricette possibili ho scelto questa, che ho puntualmente rivisitato, ma che mi sembrava essere anche la più divertente!;-)

Ingredienti:

400 gr di susine
100 gr di zucchero (aggiungetene di più se le susine non sono sufficientemente dolci)
100 gr di farina
10 gr di burro
2 uova
120 ml di latte
1/2 bustina di lievito per dolci
cannella
un pizzico di sale

In una terrina sbattete le uova insieme a metà dello zucchero. Aggiungetevi la farina, il latte, un pizzico di sale e una mezza bustina di lievito per dolci e mescolate finché l’impasto sarà omogeneo.
Tagliate le susine in quarti privandole del nocciolo e fatele saltare in un padellino antiaderente con il burro, la restante metà dello zucchero e la cannella.
Togliete le susine e fate restringere il succo che si sarà formato.
Foderate una tortiera con la carta da forno e adagiatevi le susine e ricoprite con il succo ristretto. Infine, versatevi sopra l’impasto ottenuto in precedenza.
Infornate a 180° per 25 minuti.
Quando la torta si sarà raffreddata, rovesciatela e servite.

Sweet as a Cherry Week! – Torta stout, cioccolato e ciliegie di Isy

torta stout ciliegie cioccolato fondente_Isy_03

Con questo post vi presento la mia sorellina, nota in famiglia per i fantastici dolci che prepara! Questa torta l’ha fatta per il mio compleanno (in ritardo)…lascio a lei la parola

Print

Questa torta l’ho preparata per il non-compleanno della sorellona. È una ricetta piuttosto semplice, estiva e veloce. Inoltre contiene tre delle cose che mia sorella preferisce: ciliegie, cioccolato e birra.

È  composta da una base di pasta frolla farcita con un ripieno di ciliegie, cioccolato e birra stout (in questo caso Guinness). La ricetta che ho usato è quella del blog thebeeroness.com, con qualche piccola modifica.

Ingredienti

Pasta frolla (usate la ricetta che preferite)

220 g di cioccolato fondente (60% – 70%)

3 cucchiai di burro

2 cucchiai di miele

3 cucchiai di panna fresca

80 ml di birra stout

500 g di ciliegie denocciolate

Altra panna fresca per decorare (opzionale)

 

Preriscaldate il forno a 175 ° C, foderate una teglia con carta forno e stendete la pasta frolla. Bucate la pasta con una forchetta e infornate per circa 20 minuti, poi lasciatela raffreddare. Nel frattempo denocciolate le ciliegie e tagliatele a metà. (tenete da parte i noccioli mi raccomando!)

Spezzettate il cioccolato e scioglietelo a bagnomaria insieme a burro, birra e miele. Mescolate di tanto in tanto finché il cioccolato non si è sciolto e il composto risulta omogeneo. Spegnete il fuoco e aggiungete la panna, mescolate bene, poi aggiungete le ciliegie e fate in modo che risultino tutte ben incorporate nella crema. Versate nella tortiera, e lasciate la torta in frigorifero per almeno 4 ore. Prima di servire potete montare della panna fresca e usarla per ricoprire la torta. Né  io né mia sorella amiamo la panna montata, ma in questa torta l’ho trovata molto azzeccata, crea un bel contrasto con il ripieno.

Spero che la ricetta sia di vostro gradimento, a noi è piaciuta!

Aiuto non ho uova in casa!! Torta cacao amaro e banane senza uova

torta cacao banana_filigrana

L’altro giorno mi hanno avvisata che, inatteso, sarebbe arrivato un bimbo a farmi visita proprio intorno all’ora della merenda.

“Ottimo! faccio una tortina veloce!” mi dico.

Peccato che in casa non ci fosse neanche un uovo!

Quindi, tablet alla mano, ho cercato una ricetta che non richiedesse l’utilizzo di uova e, dato che quelle che ho trovato in rete contenevano ingredienti che non avevo in casa…beh…ho improvvisato questa torta dal gusto amaro del cacao e dolce della banana, così umida e morbida da poter essere mangiata con il cucchiaino!

Tra le altre cose questa torta non contiene burro (se escludiamo quello per imburrare la tortiera)…che ne pensate?

Ingredienti:
200 gr di farina
200 gr di zucchero di canna grezzo (io uso il mascobado…se non amate troppo il gusto amaro del cacao aumentate un po’ le dosi o usate zucchero raffinato, più dolce)
4 cucchiai colmi di cacao amaro
1 bustina di lievito per dolci
380 ml di latte
40 ml di olio di semi
1 cucchiaino di vanillina purissima
2 banane mature

In una ciotola unite farina, zucchero, cacao vanillina e lievito.
Aggiungete poi latte e olio mescolando in modo che il composto risulti omogeneo.
Versate l’impasto i una tortiera precedentemente imburrata ed infarinata.
Tagliate le banane a fette sottili e fattele affondare nell’impasto
Cuocete in forno preriscaldato a 175°C per 45 minuti