Paccheri ripieni

DSC_0012

Mi hanno regalato una confezione di paccheri, e poiché non avevo proprio voglia di farli normali al sugo, ho pensato di rispolverare una ricettina alquanto sfiziosa: quella dei paccheri ripieni! E’ comunque una ricetta abbastanza leggera, e che non richiede nemmeno troppo tempo per la preparazione, ma soprattutto, vi assicuro, che le papille gustative ne trarranno gran giovamento! 😉

Ingredienti:

120 gr di paccheri

200 gr di ricotta

1 zucchina

prosciutto c0tto a dadini

formaggio grattuggiato q.b.

pane grattuggiato q.b.

cannella q.b.

pepe q.b.

 

Fate cuocere i paccheri in abbondante acqua salata, avendo cura di scolarli molto al dente.

Contemporaneamente, lavate la zucchina e tagliatela a pezzetti piccoli. Fatela quindi rosolare in padella insieme a un po’ di cipolla tritata e dell’olio EVO, infine salate.

Una volta che la zucchina è cotta, unitela in una ciotola alla ricotta, ai cubetti di prosciutto cotto e ad una manciata di formaggio grattuggiato. Aggiungete cannella e pepe a piacere, e amalgamate bene il tutto.

Con l’aiuto di un sac-à-poche (o anche più semplicemente di un cucchiaino), farcite i paccheri con il composto ottenuto.

Ponete i paccheri in verticale in una pirofila (meglio se coi bordi alti, così che restino bene in piedi!) uno accanto all’altro, cospargete la superficie con un po’ di pane e formaggio grattuggiati e concludete con un filo di olio.

Fate cuocere in forno per 10 minuti a 190°, così che la superficie si dori per bene.

DSC_0014

 

 

La pappa al pomodoro che spacca! – Spaghetti al pomodoro filanti

spaghetti filanti 2

La cucina express, ma genuina e buona, è spesso la regina delle mie cene infrasettimanali… torni a casa dal lavoro, fermati a dare un bacino ai nipotini, vai in palestra, torni a casa, sistema due cose, acc! stasera c’è la riunione, ah no, stasera ci sono le prove… (vi suona familiare tutto questo?).

Insomma, il tempo a disposizione talvolta è davvero troppo poco per potersi dedicare come si vorrebbe ai fornelli, ma ormai sapete che per noi questo non è ragione assolutamente sufficiente per rifugiarci in una scatoletta di tonno o in un altro tipo di scatoletta (perchè lo sapete no che Io non mangio simmenthal?! :D).

Dai, su… bastano due spaghi, un po’ di sugo e in questa ricetta una piccola variante rispetto alla classica “pappa al pomodoro”, e voilà… c’è cosa più buona al mondo?

Ingredienti (per due):

140 gr di spaghetti
1 mozzarella
sugo al pomodoro
origano

Fate bollire gli spaghetti in abbondante acqua salata.
Nel frattempo, in una padella antiaderente, riscaldate il sugo al pomodoro e, poco prima di scolare gli spaghetti, aggiungetevi una mozzarella a pezzetti e abbondante origano.
Quando la mozzarella si sarà sciolta, unitevi gli spaghetti scolati e fateli saltare insieme al sugo e alla mozzarella.
Servite gli spaghetti ben caldi.

spaghetti filanti 1

Tic- Tac … E’ tempo di attesa – Risotto gorgonzola, pere e noci

risotto pere e gorgonzola 1

E’ tempo di attesa.

Lo si respira nell’aria, lo si vede negli occhi dei bambini, nei presepi in giro per i paesi che vedono la culla vuota in mezzo a Maria e Giuseppe, nei regali a cui manca solo il nastro colorato per poter essere posti sotto l’albero, nelle letterine appese agli alberi delle piazze, nelle cucine delle foodblogger ;), alle prese con le prove per i pranzi e i cenoni delle feste.

Forse mi sono lasciata prendere un po’ troppo da questa “attesa”, nel senso che il mio menù per il pranzo di Natale sta ancora attendendo di essere pensato! (sciagurata!).

Nel frattempo, però, abbiamo cucinato questo risottino, che ci è sembrato l’ideale per una giornata fredda come quelle che ci sono adesso. Ecco, in questo caso di attese non ce ne sono proprio state… è finito tutto e subito! -.-

Ingredienti (per due persone)

1 bicchiere di riso

gorgonzola

1 manciata di noci

1 pera

cipolla

olio EVO

brodo vegetale

vino bianco

Soffriggete in una padella un po’ di cipolla tritata finemente insieme ad un po’ di olio EVO. Una volta che la cipolla sarà ben dorata, aggiungete il riso e fatelo tostare rigirandolo frequentemente, per evitare che si attacchi alla pentola. Quando il riso è ben tostato, sfumatelo con del vino bianco, e lasciatelo cuocere, aggiungendo pian piano un mestolino di brodo vegetale caldo. Verso metà cottura aggiungete metà della quantità della pera tagliata a pezzetti, e continuate la cottura.

Una volta che il riso è cotto, spegnete il fuoco e mantecatelo con del gorgonzola dolce, aggiungendo ancora qualche pezzetto di pera e le noci.

Servite ben caldo decorando con qualche fettina di pera.

risotto gorgonzola e noci 2

ancora zuccAcena! Vellutata di zucca allo zenzero

zuccAcena2013_vellutata con zenzero

Continuiamo con il menu della zuccAcena! Nel corso delle tre cene annuali abbiamo sperimentato diverse ricette, ma questa è sempre comparsa sulla nostra tavola: ci siamo troppo affezionate…ed è troppo buona per rinunciarvi!

Ingredienti

1 Kg di zucca (di solito prediligo la mantovana, quest’anno non l’ho trovata ed ho scelto la delica, risultato comunque soddisfacente)

circa 4 cm di radice d zenzero

2 patate di media misura

200 ml di panna fresca

pepe

sale

 

Pulite e tagliate grossolanemente la zucca e le patate e mettetele in pentola a pressione coprendo d’acqua per circa 15 min.

In una pentola mettete un paio di cucchiai di olio, lo zenzero grattuggiato, abbondante pepe nero macinato e sale.

Aggiungete all’olio, la zucca e le patate e lasciate rosolare per un paio di minuti, poi passate il tutto con un frullatore ad immersione (se necessario aggiungete un po’ di acqua).

Lasciate cuocere per circa 20 minuti ed aggiungete la panna fresca, poi lasciate cuocere per ancora una decina di minuti.

Servite la zuppa calda con una spolverata di pepe nero macinato al momento e una goccia di olio (meglio se molto giovane e fruttato come il nostro, spremuto solo due giorni prima!).

Se poi proprio volete esagerare (e noi vogliamo 😉 ) in una padella antiaderente fate tostare i semi della zucca avanzati, aggiungendo, dopo la prima tostatura, un po’ di olio EVO, un cucchiaino di miele, sale e pepe. Aggiungete qualche seme di zucca così tostato alla zuppa prima di servirla.

Buon appetito!

Strega comanda color! – Spaghetti alle olive nere tostate, pomodori secchi e finocchietto

spaghetti olive_finocchietto_pom secchi_02

Una ricetta semplice semplice e veloce, come piace a noi che cerchiamo di districarci tra mille impegni. Un po’ diversa dai soliti spaghetti aglio, olio e peperoncino (buonissimi comunque! una statua a chi li ha inventati!).

Di questo piatto mi piacciono soprattutto i colori: il rosso dei pomodori secchi, il nero delle olive, il verde del finocchietto che fa capolino qua e là, che al solo guardare un piatto così io mi sento già più allegra!

E poi i pomodori secchi…quelli buoni, saporiti, che vengono dal Sud dell’Italia, che quasi sembra che lì il sole sia un sole diverso talmente li rende più buoni, e che la mia mamma (love you mummy!) pazientemente prepara in barattolini da distribuire alle sue figlie per preparare piatti così!

Ingredienti (per 2 persone)

160 gr di spaghetti
una decina di olive nere tostate
6-7 pomodori secchi
finocchietto
olio EVO

Cuocete gli spaghetti normalmente in abbondante acqua salata. Intanto che questi cuociono, versate un po’ di olio EVO in un pentolino a parte. Quando questo sarà ben caldo, unite le olive nere tostate e i pomodori secchi che avrete precedentemente tagliuzzato. Insaporite il tutto con una manciata di finocchietto.
Unite il tutto agli spaghetti e servite ben caldi.

Buon appetito!

spaghetti olive_finocchietto_pom secchi_01

Una “chic-schisceta” – Crespelle agli asparagi

crespelle asparagi 3_fil

Fino a poco tempo fa (leggasi fino al momento in cui ho firmato un contratto a tempo indeterminato! yeaaaah!) al lavoro mi portavo la “schisceta“.

Faccio parte di quella schiera di lavoratori che lavora lontano da casa e che, quindi, purtroppo non ha modo di tornare a casa per pranzo, e così, non avendo, fino a poco tempo fa, né buoni pasto né il diritto di usufruire della mensa, mi sono sempre portata la “schisceta“. Per fortuna in ufficio abbiamo un piccolo microonde, che mi ha permesso di riscaldare quello che mi portavo da casa, evitando quindi di essere costretta a pranzare a sola base di panini e insalate di riso freddo.

E oggi vi presento la mia “schisceta” chic! Quella che potete leggere qui sotto! Solitamente quando preparo le crespelle, ne cucino in abbondanza, così che poi possa diligentemente riporle in contenitori di plastica da mettere in freezer… pronti per l’occorrenza!

Ingredienti per 4 persone

150 gr di farina
4 uova
250 ml di latte
140 ml di acqua
300 gr di asparagi
200 gr di formaggio branzi
60 gr di burro
un pizzico di sale
cipolla
olio EVO

Per la besciamella

800 ml di latte
30 gr di burro
3 cucchiai colmi di farina 00
noce moscata
un pizzico di sale

In un robot da cucina unite le uova, la farina, il latte, l’acqua, un pizzico di sale e il burro precedentemente fuso e raffreddato. Frullate il tutto fino ad ottenere una pastella omogenea.
Versate il tutto in una ciotola e lasciate riposare per circa 30 minuti.

Nel frattempo sciacquate gli asparagi, asciugateli e fateli rosolare in una pentola con del soffitto leggero di cipolla tagliata a pezzetti piccoli e olio EVO. Inasporite con un pizzico di sale.
Togliete gli asparagi dalla pentola e separate i gambi dalle punte.

Per la besciamella, fate sciogliere il burro in una pentola, e aggiungetevi poco alla volta il latte e la farina continuando a mescolare con una forchetta o un cucchiaio, così da evitare che si creino grumi. Insaporite con un pizzico di sale e con la noce moscata.

Dividete la besciamella in due parti: un terzo lo userete per guarnire, ai restanti due terzi unite i gambi degli asparagi e frullate il tutto, così da ottenere una crema agli asparagi molto delicata.

Scaldate un pentolino antiaderente piccolo e versatevi poco più di un mezzo mestolo di pastella. Non sarà necessario imburrare od oliare il pentolino, poiché i grassi sono già presenti nella pastella. Inclinate il pentolino, così da distribuire in modo omogeneo la pastella sul fondo e cuocete la crespella a fuoco dolce, finché i bordi non inizieranno a staccarsi e a diventare dorati. A questo punto, con l’aiuto di una paletta voltate la crespella e cuocetela anche sull’altro lato. Disponete su una metà la crema di asparagi e i cubetti di formaggio precedentemente tagliato a tocchetti (io uso il formaggio branzi, perché è saporito, ma non troppo, e si sposa bene con la crema di asparagi, ma potete utilizzare anche della fontina. Sconsiglio, invece, l’uso di formaggio dal gusto troppo forte o deciso, poiché potrebbe sovrastante quello delicato degli asparagi).
Piegate a metà la crespella e cuocete ancora per un minutino, finché il formaggio sarà fuso. Aggiungetevi sopra un cucchiaio di besciamella e una o due punte di asparagi come guarnizione.

Aggiungi un posto a tavola…Cous cous con verdure in tajine.

tajine di verdure_01

Ormai la famiglia si è arricchita di ospiti più o meno fissi ed è un piacere stare insieme in cucina: c’è chi affetta, chi lava, chi cuoce…ecco il risultato servito a pranzo in un caldo sabato nel quale, come spesso capita, eravamo in molti a tavola!

tajine di verdure_02

Ingredienti per circa 6 persone

500 gr di cous cous medio precotto

4 zucchine di media grandezza

4 carote di media grandezza

1 pompelmo ben maturo

100 gr di anacardi al naturale

100 gr di mandorle spellate

2 manciate abbondanti di uvetta

2 cucchiai di curcuma

1 cucchiaino di cannella

5 cm circa di zenzero fresco

sale q.b.

n.b.–> a tavola avevamo anche bambini, altrimenti avrei messo anche del peperoncino e/o della paprika

Innanzitutto mettete il cous cous in una ciotola, bagnatelo con circa due bicchieri di acqua e lasciate riposare.

Mettete l’uvetta in un recipiente e copritela d’acqua in modo che si reidrati.

Lavate le verdure  e tagliatele nel senso della lunghezza, poi riducetene la metà in piccoli pezzi.

Lavate bene il pompelmo e tagliatelo a fette, anche in questo caso riducetene la metà a pezzetti.

Quando il cous cous si sarà ben idratato sgranatelo con le mani ed incorporate sale, curcuma e cannella. Aggiungete quindi lo zenzero grattugiato e mischiate ancora con le mani.

Incorporate nel cous cous le verdure e il pompelmo tagliati a pezzettini, l’uvetta reidratata e la frutta secca ed aggiungete mezzo bicchiere d’acqua.

Mettete tutto nel tajin a formare un cono rovesciato e coprite con le verdure e il pompelmo.

Infornate per circa 40 minuti a 200°C.

Servite abbondanti porzioni e buon appetito!