Aiuto non ho uova in casa (di nuovo)!! – Muffin mele e cannella bis (senza uova, senza burro)

muffin mele cannella senza uova e burro_02

Quando si sta poco bene, fa piacere avere qualche attenzione in più, quindi, quando qualche gioro fa sono andata a trovare un cugino un po’ malmesso, beh, non ho potuto presentarmi a mani vuote…e non c’è nulla che scalda il cuore come un muffin ancora tiepido di forno!

Vi ricordate delle coccole mele e cannella che vi abbiamo proposto a inzio mese? piaciute? a noi si, oggi proponiamo una variante “light” (ma non troppo) del classico, quanto intramontabile, abbinamento mele/cannella!

Inutile dirvi che come per la torta cacao e banane, questo (riuscitissimo) esperimento nasce dall’assenza di uova in frigorifero, la ricetta originale, poi leggermente rivista, l’ho trovata qui, non vi nascondo che l’assenza di uova e burro si sente, ma decisamente non se ne avverte la mancanza!

 

Ingredienti per 12 muffin:

2 mele
180 g di zucchero
200 g di farina
250 g di latte
2 cucchiai di olio di semi di girasole
1 bustina di lievito per dolci
cannella a piacere
Tagliate le  mele a fettine sottili con una mandolina (o con un semplice pelapatate) e disponetele su un piano, leggermente sovrapposte tra loro in file da 5 o 6 fettine l’una.
Mescolate metà dello zucchero con la cannella (non siate avari di spezie! 😉 ) e cospargete le mele con la miscela ottenuta
A parte, mescolate il resto dello zucchero, una spolverata di cannella, l’olio, il latte, il lievito e la farina.
Versate l’impasto nei pirottini riempiendoli a metà.
Ora arrotolate ogni fila di fettine di mela cosparse di zucchero e cannella e mettete ogni “rosa” ottenuta in un pirottino spingendo bene fino in fondo in modo che l’impasto si distribuisca attorno ed al centro delle mele.
Infornate a 180ºC per 15 minuti circa.
Buon appetito!
Annunci

Ciao, noi andiamo a giocare! – Muffin banana e cioccolato

muffin banana e cioccolato

Prendete un giorno di vacanza. Prendete un bambino di 4 anni e mezzo a casa dall’asilo. Prendete poi una zia che semplicemente adora il suo nipotino e ritiene che il tempo per giocarci insieme sia sempre troppo poco. Aggiungetevi gli ingredienti per alcuni golosi muffin, ed ecco che avrete il pomeriggio che ho trascorso io insieme al mio nipotino Andrea poco tempo fa!

E’ arrivato a casa mia bello e bello e tutto profumato, come solo un bambino profuma, e con il suo sacchettino con dentro il suo grembiulino da cucina (!) e un paio di giochi (vuoi non giocare mentre si aspetta che i muffin cuociano?). Ci siamo tolti le scarpine e messi le calzine antiscivolo, così che potevamo liberamente saltare su e giù dalla sedia o dal divano, ci siamo lavati le mani, infilato il grembiulino ed eccoci lì, pronti per iniziare la nostra ricetta!

Misuriamo gli ingredienti, assaggiamone alcuni per vedere se sono buoni (vedi le gocce di cioccolato), tocchiamo per bene la farina per sentire bene che consistenza ha, tocchiamo bene lo zucchero per verificare che consistenza ha anche quello, ri-assaggiamo alcuni ingredienti per vedere se sono buoni (gocce di cioccolato), iniziamo a frullare gli ingredienti, ri-ri-assaggiamo un po’ alcuni ingredienti per verificare che siano ancora buoni (sempre le gocce di cioccolato), ri-misuriamo le gocce di cioccolato, la cui quantità nel frattempo era notevolmente diminuita, foderiamo la teglia dei muffin coi pirottini di carta tutti belli colorati, riprendiamo energie mangiando le poche gocce di cioccolato rimaste nel sacchettino, inforniamo i muffin e… ciao, adesso noi andiamo a giocare fino all’ora della merenda!

Ingredienti (per 15 muffin):

1 uovo
100 gr di zucchero
60 gr di burro
210 gr di latte
150 gr di farina 00
60 gr fecola di patate
1/2 bustina di lievito per dolci
2 banane
40 gr di gocce di cioccolato
1 cucchiaio di succo di limone
un pizzico di sale

Con l’aiuto di un robot da cucina, frullate  l’uovo con lo zucchero, aggiungendovi poi pian piano nell’ordine la farina, la fecola di patate, il latte, il burro ammorbidito, un pizzico di sale e  mezza bustina di lievito per dolci.
Tagliate le banane a pezzetti e irroratele con un cucchiaio di succo di limone, infine incorporatele al composto precedentemente preparato insieme alle gocce di cioccolato.
Foderate una teglia per muffin con i pirottini di carta e riempiteli per 3/4 con il composto.
Infornate per 180° per 20-25 minuti.

muffin banana e cioccolato 2

La pappa al pomodoro che spacca! – Spaghetti al pomodoro filanti

spaghetti filanti 2

La cucina express, ma genuina e buona, è spesso la regina delle mie cene infrasettimanali… torni a casa dal lavoro, fermati a dare un bacino ai nipotini, vai in palestra, torni a casa, sistema due cose, acc! stasera c’è la riunione, ah no, stasera ci sono le prove… (vi suona familiare tutto questo?).

Insomma, il tempo a disposizione talvolta è davvero troppo poco per potersi dedicare come si vorrebbe ai fornelli, ma ormai sapete che per noi questo non è ragione assolutamente sufficiente per rifugiarci in una scatoletta di tonno o in un altro tipo di scatoletta (perchè lo sapete no che Io non mangio simmenthal?! :D).

Dai, su… bastano due spaghi, un po’ di sugo e in questa ricetta una piccola variante rispetto alla classica “pappa al pomodoro”, e voilà… c’è cosa più buona al mondo?

Ingredienti (per due):

140 gr di spaghetti
1 mozzarella
sugo al pomodoro
origano

Fate bollire gli spaghetti in abbondante acqua salata.
Nel frattempo, in una padella antiaderente, riscaldate il sugo al pomodoro e, poco prima di scolare gli spaghetti, aggiungetevi una mozzarella a pezzetti e abbondante origano.
Quando la mozzarella si sarà sciolta, unitevi gli spaghetti scolati e fateli saltare insieme al sugo e alla mozzarella.
Servite gli spaghetti ben caldi.

spaghetti filanti 1

Un angolo di Sicilia a Milano

antica focacceria san francesco_2014_03

Mi capita spesso di trovarmi nel centro di una grande città e pensare “e adesso dove andiamo a pranzare?”. Sì, perché si sa che i locali nei centro-città hanno solitamente prezzi molto alti e pietanze che spesso non sono nemmeno all’altezza della nostra tradizionale cucina italiana.

Sta di fatto che o alla fine la rischi, vai sui locali che sembrano per lo meno avere una bella cera, conscio però del fatto che ne uscirai spennato come un pollo, o altrimenti ti devi allontanare un po’ dal centro (spesso bastano pochi passi) per cercare qualche posticino che la pasta al ragù la chiama così e non “fettuccini alla bolognesi” per attirare i turisti stranieri.

Eccoci dunque a Milano, dopo aver visitato la mostra di Andy Warhol a Palazzo Reale (se non ci siete ancora andati, fateci un salto! Piccola, ma assolutamente coinvolgente…) a guardarci negli occhi e chiederci “e adesso dove andiamo a pranzo?”. Tranquilli, questa volta ci penso io! Andiamo all’Antica Focacceria San Francesco!

Probabilmente molti di voi conosceranno quella veramente antica (dal 1834) di Palermo, o ancora meglio, conosceranno i suoi cannoli, ma forse non tutti sanno che la focacceria nel territorio siciliano ha una figlia (anzi, tre) a Milano, e una proprio a pochi passi da Piazza Duomo, ideale per noi che ci trovavamo proprio davanti al Duomo affamati in seguito a una mattinata di cultura! 😉

Certo, avremmo potuto preferire una cotoletta, agli arancini e alla caponata, ma in una giornata uggiosa come quella che abbiamo trovato, un po’ di sole di Sicilia ci stava proprio bene!

antica focacceria san francesco_2014_02

Nel 1834 Salvatore Alaimo riceve in dono la cappella sconsacrata di un antico palazzo nel cuore di Palermo. Sulla porta d’ingresso appende una tavola di legno con un’incisione che recita “Focacceria” e decide di cucinare per il popolo. La cucina deve essere stata proprio buona sin da allora, visto che nel corso degli anni Garibaldi, Pirandello, Sciascia, Gattuso, La Malfa, Falcone, Borsellino si fermavano per un “panino e panelle”, per una “maritata” o per una “pasta ch’i sardi”.

antica focacceria san francesco_2014_01

Il locale a Milano è piuttosto ampio: non spaventatevi se all’ingresso troverete i tavolini tutti occupati, perché al piano inferiore ci sarà sicuramente un posto anche per voi in una delle due sale disponibili.

E ora non resta che gustare gli arancini, o le panelle con la farina di ceci o i pani ca’ meusa (con la milza) o un buon piatto di pasta alla norma!

antica focacceria san francesco_2014_06

 

Un consiglio accorato: lasciatevi uno spazietto per i dolci, perché sono davvero spaziali! Dalle cassatine, ai cannoli siciliani alla torta setteveli (sette morbidissimi strati di cioccolati), che è una bontà unica!

antica focacceria san francesco_2014_07

antica focacceria san francesco_2014_04

antica focacceria san francesco_2014_08

antica focacceria san francesco_2014_09

 

Per essere in centro a Milano i prezzi sono assolutamente abbordabili, e la qualità dei prodotti è alta.

Last but not least, una delle cose che mi ha fatto propendere per la scelta di questo locale è il fatto che  l’Antica Focacceria San Francesco aderisce al progetto “Pago chi non paga”, la campagna di consumo critico di Addiopizzo per sensibilizzare il consumatore verso la scelta di esercenti e attività che non cedono alla pressione dei ricatti, ma sostengono un mercato trasparente e giusto, ed è inoltre fondatrice dell’associazione antiracket “Libero Futuro”. Inoltre, a sostegno del riutilizzo dei terreni confiscati alle mafie, l’Antica Focacceria San Francesco acquista molte materie prime dalle cooperative di “Libera terra”.

Coccole alle mele e cannella

muffin mele e cannella 1

Ormai ci conoscete… sapete che amiamo le spezie, e sapete che, appena ho il tempo per farlo, amo prepararmi la colazione da me, perché è proprio bello iniziare la giornata crogiolandosi nel pensiero di “quanto è buona questa torta, sono stata davvero brava!” 😉

Complici alcune mele nel frigorifero, ho pensato di realizzare dei muffin alle mele… sì, però non potevo preparali così semplici e basta, ci voleva un tocco in più, no? E allora mi è venuto in mente che qualche giorno prima avevo ricevuto in dono da Pinuccia (grazie Pinu!) una boccettina di essenza di cannella, e poiché a mio parere le mele e la cannella sono un abbinamento perfetto, ecco uscire dal forno la mia colazione (e merenda!), che ha lasciato in casa un profumo che al solo sentirlo è impossibile non sentirsi coccolati…

Ingredienti (per 15 muffin):

1 uovo
100 gr di zucchero
60 gr di burro
210 gr di latte
150 gr di farina 00
60 gr di fecola di patate
1/2 bustina di lievito
un pizzico di sale
1 cucchiaio di succo di limone
2 mele
2 cucchiaini di cannella

Unite lo zucchero all’uovo e sbattete il tutto. Aggiungete poi la farina, la fecola di patate, il latte, il burro ammorbidito, mezza bustina di lievito e un pizzico di sale.
A parte, tagliate due mele a cubetti e irroratele col succo di limone. Unitele  poi al composto insieme alla cannella (io avendolo a disposizione ho aggiunto anche qualche goccia di essenza di cannella).
Foderate una teglia per muffin con i pirottini di carta e riempiteli per 3/4 con il composto.
Potete guarnire la superficie con un po’ di zucchero di canna.
Infornate a 180° per 20-25  minuti.