Ricetta uno di due – Sciroppo di zenzero

sciroppo zenzero

Chi mi conosce bene lo sa: adoro lo zenzero ed appena posso lo inserisco nelle mie ricette, proprio per questo quando con Isy ho scoperto questa “ricetta”, abbiamo deciso di metterci all’opera!

Dedico questa ricettina (e quella “di riciclo” che posterò a brevissimo) ad una coppia di amici che stanno per allargare la famiglia…si sa che lo zenzero aiuta le future mamme ad alleviare il senso di nausea! 😉

…lo so che ve lo state chiedendo a cosa serve ‘sto benedetto sciroppo di zenzero, ebbene la risposta è: a tutto ciò che volete! Un cucchiaino nell’acqua calda ed avrete una deliziosa bevanda per scaldare il vostro inverno, ovviamente la stessa bevanda potrà essere gustata fredda in estate, potrete usare questo sciroppo al posto di quello d’acero per insaporire pancakes o gelati, utilizzarlo per aromatizzare torte o sbizzarrirvi come meglio credete!

…e con questo sono 100 post! Chi lo avrebbe mai detto che saremmo arrivate così presto a tagliare questo piccolo traguardo partendo da una semplice pizza in compagnia!

 

Ingredienti

225g di zenzero fresco

1l d’acqua

400g di zucchero

un pizzico di sale

Tagliate lo zenzero a pezzi abbastanza piccoli. Mettete zenzero, acqua, zucchero e sale in una pentola, mettetela sul fuoco, e, quando inizia a bollire, abbassate la fiamma. Cuocete per circa un’ora.

Lasciate raffreddare, poi passate lo sciroppo con un colino. Conservate lo sciroppo in un vasetto sterilizzato. Lo sciroppo così conservato dura qualche mese in frigorifero.

Conservate lo zenzero cotto, nella prossima ricetta vi spiegherò come utilizzarlo!

La prima volta

DSCN1696

Ho conseguito il mio brevetto sub due anni fa, poco prima di un viaggio bellissimo in Thailandia.

Complici due carissimi amici (la mia co-blogger e il suo signor Lui), che ci hanno subito detto: “Non potete andare in Thailandia senza avere il brevetto sub ed immergervi! Sarebbe un peccato!”, ci siamo messi maschera e pinne, e abbiamo iniziato a scoprire quello che è definito come il “sesto continente”: il mare!

In realtà le prime immersioni in acque libere le abbiamo fatte al lago, dove, soprattutto in estate, la visibilità è molto scarsa e a volte si fa fatica a vedere le pinne della persona che si ha davanti, e comunque difficilmente si vede qualche cosa in più che non sia fango o qualche persico o pesce sole.

Ma come si dice “ciò che non uccide (O.o), fortifica”, e devo ammettere che il lago ha rappresentato una grande palestra, perché quando abbiamo avuto modo di immergerci in mare, lì è stata proprio tutta un’altra storia! Abbiamo visto il BLU, i coralli, pesci di cui non saprei ripetere nemmeno il nome, barracuda lunghi tre metri, tartarughe giganti…

La “prima volta” è stata proprio una grande emozione… quasi mi sembrava di stare davanti a un maxi schermo e vedere un film scorrere di fronte ai miei occhi!

DSCN0991

DSCN1729

DSCN1705

Ed è incredibile la sensazione di tranquillità che ho provato, e che provo ogni volta che mi immergo: in acqua tutti i rumori sono ovattati, e quello che si riesce a sentire meglio è il proprio respiro.

DSCN1636

Andare sott’acqua è un’esperienza unica che apre le porte ad un mondo affascinante, ad emozioni, inaspettate e ad un rapporto intimo con sé stessi.

DSCN1689

E, infatti, non capisco come mai stiate ancora leggendo questo post e non stiate correndo ancora a prendere pinne e boccaglio!;)

Cena express – Involtini di pollo

involtini pollo

Eccoci! Ben trovati e… BUON ANNO! Sì, lo so, sono un pochino in ritardo nel farvi gli auguri per il 2014, ma ho voluto il più possibile sfruttare i giorni di vacanza per staccare un po’, prima di riprendere la solita routine.

Ecco, a proposito di solita routine, da ieri bene o male si è tornati tutti al lavoro e sono riprese tutte le attività.

Purtoppo, o per fortuna, le sere durante la settimana sono spesso impegnate tra riunioni, palestra, prove del coro…

A volte, quindi, si ha assolutamente bisogno di una cena express, che non si riduca alla scatoletta di tonno o a una Simmenthal, visto che come ben sapete “io non mangio simmenthal” 😉

Avere poco tempo, infatti, non significa rinunciare alla qualità o ad un piatto gustoso.

Provare per credere!

Ingredienti (per 2 persone)

2 petti di pollo tagliati sottilmente
4 fette di mortadella
4 sottilette
cannella
pepe
sale
salvia
olio EVO

Stendete i petti di pollo e tagliateli a metà.
Adagiate su ciascun petto di pollo una fetta di mortadella e una sottiletta. Arrotolate la carne su sé stessa, in modo da formare un involtino, e fermate il tutto con un paio di stuzzicadenti.
Riscaldate un goccio di olio EVO in una pentola antiaderente. Adagiatevi delle foglie di salvia e gli involtini di pollo. Insaporite con la cannella, il pepe e il sale, e fate cuocere per qualche minuto.